Tu e Bowie (e anche un po’ me)

Visto che magari in questi giorni hai altro cui pensare, ci tenevo a ricordarti che ieri (ieri, sì che pure io fatico a star sul pezzo in questi giorni) è stato il compleanno di David Robert Jones, in arte l’incommensurabile David Bowie. (Ne ha compiuti 69, che essere astemi alle volte non paga, invece calarsi l’impossibile pare giovi…)

Ma il punto non è questo. Il punto è che Bowie mi ricorda automaticamente te (tanto quanto Andy Warhol tua madre). Anticonformista, creativa, ribelle, androgina il giusto, visionaria, genio (ho calcato un po’ la mano, vabbè, ma ci sta tutta). Pure a volte lo stesso taglio di capelli e il fisico al contempo etereo e statuario. Nel mio cuore vi assomigliate proprio. E tu lo adori. Bowie sei tu. A prescindere.

Quindi, cosa ti dedico amica mia sorella amata? Di primo acchito direi Heroes. O Rebel Rebel. Ma alla fine opto per Let’s Dance, dall’omonimo album (1983) che ci ha accompagnato tra medie e liceo, per dire. E poi, visto che c’è da ballare, tesoro, ci tocca ballare. Come sempre.

Lo trovi qui, non Bowie, il video… Let’s Dance – David Bowie

tumblr_nv8bg3LxQN1r8v4r5o1_1280

Tua, sempre tua, tanto tua, Afrodite

6 pensieri su “Tu e Bowie (e anche un po’ me)

  1. Milano, 10 giugno 1987. Tua sorella ci regala due biglietti per il concerto. “IL” concerto!! The Glass Spider Tour….!!!! Stavamo studiando i reni, e a te non piacevano, “non li capivi” dicevi. Molliamo tutto e andiamo a San Siro. Eravamo lì presto anche se i cancelli aprivano alle 21.

    Ci siamo conosciute quell’anno. Un anno strano, in cui entrambe, da luoghi diversi, decidemmo di prendere in mano le nostre vite e ripartire.
    Bowie, da allora, fu la nostra colonna sonora.

    Grazie Afrodite per il ricordo.❤

    Piace a 1 persona

  2. non so se posso, né se va bene entrare così, ad ogni modo ho letto un po’ di voi e di Artemide, e un abbraccio lo voglio mandare in questa giornata di lavoro uggiosa al centro. Sono, come si può capire, commosso e partecipe, anche se non so bene che tono usare.
    Riesco solo a dire che il salotto lo fai buono tu, Artemide. E lo metti a disposizione di chi ti ama dando loro un’occasione di umanità unica.
    Ciao
    se posso, a presto
    Giorgio

    Piace a 1 persona

  3. Alcuni anni fa andammo a Montecarlo eravamo in tre io un amico e lei, due giorni senza dormire al suono di David Bowie chiaramente la cassetta era sua. 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...